Verniciare la barca

Please follow and like us:

Primavera è il sinonimo di prepararsi per andare fuori in barca.

Chi ha la barca sa bene che quando si va a verniciarla si sa quando si inizia ma non si sa quando finisce…
Fatto sta che bisogna iniziare e prima si incomincia prima si finisce, ecco qualche consiglio per un test preliminare per capire cosa fare.

Vernice 2K per barche

Barca in vetroresina





Fig. A   Pasta abrasiva professionale per barche
Fig. B  Tampone per lucidatura barche
  • La prima cosa da stabilire è sei sicuro che bisogna verniciare la barca? o magari per quest’anno basta una bella ripulita, una passata di pasta abrasiva seria accompagnata da un bel polish?

Bisogna capire a questo punto in che condizioni è la vernice della barca, ovviamente ci concentriamo nella zona esterna dello scafo sopra la linea di galleggiamento la parte sotto cioè zona di antivegetativa e ponte non sono presi in considerazione in quest’articolo, quindi se la vernice non presenta zone dove ci siano problemi gravi di osmosi e quindi ausilio di prodotti tipo resine epossidiche o poliesteri e/o danneggiamenti dove bisogna intervenire con stucchi, graffi profondi ecc. ma presenta uno strato ruvido al tatto, opacizzato e poco liscio li può aiutarvi sicuramente una pasta abrasiva Fig.A di nuova concezione ad acqua con un tampone duro Fig.B o cuffia d’agnello credetemi questi prodotti fanno miracoli, è ovvio che per lucidare deve esserci uno strato di vernice consistente e adeguata.

  • Se invece la barca è in condizioni opposte bisogna intervenire con un ciclo predisposto in base al lavoro da svolgere e bisogna utilizzare prodotti 2k di buona qualità ecco quali:

Se ci sono problemi di osmosi è consigliato il ciclo curativo è preventivo effettuato con resine epossidiche e sistemi strutturali, prodotti spettacolari che possono essere combinati sia con fibre di vetro, di carbonio, kevlar ecc.. questi sistemi strutturali epossidici sono utilizzati sia in campo nautico ma non solo anche aerospaziale, automobilistico sportivo (la classica formula 1 è costruita con questi sistemi ad’esempio più o meno tecnologici e complicati ma con lo stesso concetto di base) questo sistema abbraccia un’infinità di settori dove è richiesta leggerezza, affidabilità e robustezza pari all’acciaio.

Fig.1  kit vetroresina liquida a fogli
Fig.2  Stucco vetroresina
Fig.3  Stucco poliestere
Fig.4  Decerante sgrassante
Fig.5 Fondo catalizzato
fig.6 Vernice per barche

Ma torniamo alle barche, se i problemi sono di natura più o meno grave del tipo graffi profondi, ammaccature o crepe superficiali si può intervenire con sistemi strutturali poliestere del tipo resine poliestere e fibre di vetro se ci sono interventi dove si ha bisogno di adoperarsi con fogli di vetroresina per buchi di media grandezza , ricostruzione di bordi ecc.. Fig.1 , in caso di piccoli interventi si possono utilizzare invece gli stucchi poliesteri che si dividono in 2, stucco di modellazione e finitura Fig.3, e stucco di resina Fig.2 che è uno stucco con filamenti di vetroresina all’interno un po meno cartegiabile e modellabile rispetto al primo ma molto più resistente.
Quindi… Riepilogando: Pulire sempre le zone prima di applicare qualsiasi prodotto con del decerante Fig.4 questa operazione banale noiosa farà in modo da non crearvi problemi dopo quindi importantissima mai da sottovalutare, carteggiare previamente prima ogni operazione di: applicazione stucchi, vetroresina liquida con fogli, fondo, vernice, ecc. ovviamente le grane variano in base a quello che verrà applicato dopo e dalle condizioni del supporto alcuni esempi:

  • Tutte le grane citate si intendono carte vetrate e abrasive a secco.
  • Prima dello stucco
  • Supporto molto rovinato necessita stuccature con spessori alti carteggiare previamente con  P60
  • Supporto rovinato necessita stuccature con spessori medi carteggiare con P80
  • Supporto con graffi medi necessita piccoli spessori di stucco p120
  • Dopo lo stucco
  • Stucco di vetroresina Fig.2 In base allo spessore e alla modellazione vista la sua natura dura bisogna modellare carteggiando P60 P80.
  • Nello stucco poliestere normale Fig.3 vista la sua carteggiabilità bisogna utilizzare grane P80 P120 dopo aver dato la forma finale bisogna preparare la zona per il fondo 2k Fig.5 quindi verrà carteggiata con p220 e le zone perimetrali alle toppe (circa 3 cm esterne) con p280
  • Fondo 2k Fig.5 Verra carteggiato se applicato con alti spessori p320 e dopo p400, se applicato con spessori medi P400

Dopo aver carteggiato il fondo siamo pronti per la mascheratura il che intende mascherare tutto ciò che non verra verniciato pulire bene con decerante Fig.4  passare un panno antipolvere è verniciare la barca con una vernice poliuretanica impermeabile Fig.6  applicandola con 2 mani intervallata da 5 – 10 minuti e ovvio che si vernicia in zone specifiche e cioè cabine o forni per carrozzeria o industriali capannoni attrezzati ecc. evitare di verniciare all’aperto barche intere, principalmente perche non conforme con le leggi vigenti in ambito ambientale il che mi sembra più che giusto e poi avere rispetto per se e per gli altri e il minimo e poi ricordate sempre La sicurezza e lambiente prima diu tutto, e sia perchè l’esito finale del lavoro può essere compromesso da una multitudine di fattori che vi creerebbero migliaia di problemi esempio: Umidita, temperatura, vento, pioggia ecc.

Vi ricordo anche qualche consiglio nella scelta del colore e cioè se volete verniciare la barca di colore bianco, giallo o comunque colori chiari utilizzate fondo di colore grigio medio o chiaro, in caso di colorare il vostro yacht di colore bordeaux scuro, blu notte, utilizzate dei fondi scuri.
Le barche possono essere verniciate anche con colori metallizzati e perlati si scelgono le finiture e prodotti delle auto che hanno un’ottima resistenza e impermeabilità che va bene per il settore nautico unico tasto dolente il vostro portafogli deve essere un po più capiente.
Altro consiglio se vedete i prodotti nelle Fig. in alto a destra vi invito a leggere bene le descrizioni dei prodotti che sono molto dettagliate.

Non avete più scuse mettetevi la tuta e via a verniciare la vostra barca.

P.s. al primo pescato ricordatevi di me

emoticon-compleanno
Buon Lavoro.

invia la tua recensione
1
2
3
4
5
invia
     
Cancella

Crea la tua recensione

Voto medio:  
 0 Recensione